Poetry in Motion…

Se si può sciare sulla neve si deve poter sciare anche sull’acqua. È con questo pensiero che Ralph Samuelson, nel 1922, iniziò a sperimentare modi, nuovi e arditi, per riuscire a planare sull’acqua. Prese due pezzi di legno e iniziò a lavorarli fino ad avere la punta arricciata verso l’alto, dopodichè attaccò un nastro di nailon a una barca a motore e, dopo vari fallimenti, arrivò a creare un nuovo sport. Lo sci nautico.

Ma lo sci nautico non è uno sport come gli altri, è più che altro uno show per chi lo guarda e un’esplosione di adrenalina per chi lo pratica. Ralph, e non solo, preso da questo impeto, arrivò perfino ad attaccare il filo a un aeroplano in planata sull’acqua… tutto per lo show, per il suo show. Uno sport/show indefinibile, perchè indefiniti sono i suoi confini. Don Ibsen, altro pioniere di questo sport, nel 1928, fu il primo a proporre le sue esibizioni per l’America, conquistando prima Seattle, e poi l’intera West Coast.

La sua diffusione non conosce limiti di spazio e di tempo, è la libertà di azione e di pensiero che ne garantisce la continua evoluzione verso forme sempre più istintive e passionali. Forse davvero lo sci acquatico è un musical di Broadway, dove l’azione sugli sci nasconde una coreografia strutturata su una musica, e dove i movimenti raccontano una storia, una storia fatta di danza, swivel, doppi adagio, salti, e piramidi umane…

Simone Sorelli

Lorem ipsum dolor sit amet, mauris suspendisse viverra eleifend tortor tellus suscipit, tortor aliquet at nulla mus, dignissim neque, nulla neque. Ultrices proin mi urna nibh ut, aenean sollicitudin etiam libero nisl, ultrices ridiculus in magna purus consequuntur, ipsum donec orci ad vitae pede, id odio.